BREITLING

«Non si diventa fornitore ufficiale dell’aviazione per caso»

Specialista degli orologi tecnici, Breitling ha svolto un ruolo di capitale importanza nello sviluppo del cronografo da polso e figura tra i leader di questa «complicazione». L’azienda ha condiviso tutti i grandi momenti della conquista dei cieli con i suoi strumenti affidabili, robusti e performanti. Breitling è una delle pochissime marche di orologi al mondo che monta in tutti i suoi modelli movimenti certificati ufficialmente come cronometri – il non plus ultra in tema di precisione. Ed è anche una delle rare marche che possiedono i propri movimenti cronografici meccanici, interamente progettati e fabbricati nei suoi laboratori. Questa azienda familiare è inoltre una delle ultime marche svizzere di orologi ancora indipendenti.
Guarda il video

L’inventore del cronografo moderno

Quando Léon Breitling nel 1884 fonda il suo atelier nel Giura svizzero, decide di dedicarsi a una specializzazione esclusiva ed esigente al tempo stesso: la fabbricazione di cronografi e contatori. Sono strumenti di precisione destinati allo sport, alla scienza e all’industria. Grazie alla qualità dei suoi prodotti, e alla costante ricerca di innovazioni, la marca accompagna l’evoluzione degli sport agonistici e dell’automobilismo, ma anche le prime prodezze dei pionieri dell’aviazione. Nel 1915 Breitling, precursore del cronografo da polso, inventa il primo pulsante cronografico indipendente. Nel 1923 la marca perfeziona questo sistema separando la funzione di «avvio/arresto» da quella di «azzeramento». Tale innovazione – brevettata – permette di addizionare vari tempi successivi senza dover riportare a zero le lancette, sia quando si tratta di cronometrare una gara sportiva o un tempo di volo. Nel 1934 Breitling dà al cronografo il suo volto moderno e definitivo creando il secondo pulsante indipendente per la rimessa a zero. È un progresso decisivo, questo, subito adottato da tutti i concorrenti. Nel 1969 la Maison affronta e vince una delle grandi sfide poste all’orologeria del XX secolo e presenta al mondo il primo movimento cronografico a carica automatica. Nel 1984 dà inizio alla rinascita del cronografo meccanico con il lancio del famoso Chronomat, che diventa il suo modello leader. Nel 2009 i suoi ingegneri scrivono una nuova pagina nella storia del cronografo creando il Calibro Breitling 01 – un movimento automatico dalle alte prestazioni interamente ideato e fabbricato nei suoi laboratori. Da quel momento in poi Breitling ha messo a punto tutta una serie di movimenti manifattura dotati di funzioni utili e innovatrici come il Calibro B04 con un secondo fuso orario e il Calibro B05 con ora universale, che si distinguono per una comodità d’uso rivoluzionaria. Leader del cronografo meccanico, Breitling occupa anche un posto di primo piano nel settore dell’elettronica. La marca si è imposta all’avanguardia dell’innovazione creando l’Emergency, il primo orologio da polso al mondo dotato di un autentico localizzatore di soccorso bifrequenza incorporato, e sviluppando un proprio movimento cronografico elettronico multifunzioni, progettato per rispondere ai bisogni degli aviatori.

Il vero partner dell’aeronautica

I pionieri dell’aviazione avevano bisogno di strumenti affidabili e performanti. Perciò adottarono ben presto prima i cronografi da tasca, poi i cronografi da polso firmati Breitling. All’inizio degli anni 1930 Breitling, forte della sua fama di precisione e di robustezza, inserisce fra i suoi prodotti una specialità con cui conquista la celebrità mondiale: i cronografi di bordo destinati alle cabine di pilotaggio degli aerei. Sono strumenti indispensabili per pilotare con la massima sicurezza, e incontrano un enorme successo presso le aviazioni militari di diversi Paesi, fra cui la Royal Air Force, che con essi equipaggia i suoi famosi caccia a elica della seconda guerra mondiale. Nel 1952 Breitling lancia il leggendario cronografo da polso Navitimer, che grazie al suo regolo calcolatore circolare consente di compiere tutte le operazioni relative alla navigazione aerea. Il Navitimer diventa presto un oggetto di culto per i piloti e gli appassionati di aeronautica, ed è fabbricato ininterrottamente da quasi 60 anni, il che ne fa il decano di tutti i cronografi meccanici prodotti nel mondo. Nel 1962 un Navitimer accompagna Scott Carpenter nel suo volo orbitale a bordo della capsula Aurora 7: è il primo cronografo da polso a viaggiare nello spazio. Negli anni 1950-60 Breitling partecipa allo sviluppo dell’aviazione commerciale equipaggiando con i suoi cronografi di bordo i velivoli a elica, e successivamente i jet di numerosi costruttori e di varie compagnie aeree, diventando così il «Fornitore ufficiale dell’aviazione mondiale». Oggi Breitling perpetua questo legame autentico e privilegiato con l’aeronautica cooperando con l’élite mondiale dei piloti. Fa volare sotto il proprio vessillo varie formazioni eccezionali, tra cui la favolosa pattuglia acrobatica Breitling Jet Team, che partecipa ai grandi raduni aerei del pianeta come la Red Bull Air Race, nella quale gareggia con una propria squadra che reca i colori della marca. Sostiene il restauro di apparecchi mitici come il Breitling Super Constellation, uno degli ultimi due «Super Connies» esistenti al mondo ancora in grado di volare… La marca dalla «B» alata conferma così la sua volontà di preservare il patrimonio dell’aeronautica – la splendida avventura alla quale la sua storia è strettamente legata.

Il maestro delle prestazioni

Formatosi alla dura scuola dell’aviazione, un settore dove la sicurezza è di vitale importanza, Breitling manifesta la stessa ossessione per la qualità in tutti i suoi «strumenti per professionisti», che sono di fabbricazione svizzera al 100%. La marca è una delle rarissime al mondo che sottopone tutti i suoi movimenti – meccanici o a quarzo – ai test spietati del COSC (Controllo Ufficiale Svizzero dei Cronometri), la massima autorità in tema di precisione e di affidabilità, e l’unica fondata su una norma internazionale. Breitling ha costruito a La Chaux-de-Fonds uno stabilimento modernissimo, chiamato Breitling Chronométrie, in cui progetta e costruisce i movimenti destinati ai cronografi meccanici. Per fabbricare i propri calibri di manifattura dalle elevate prestazioni, l’azienda ha messo a punto una catena di produzione industriale che rivoluziona l’assemblaggio tradizionale dei movimenti. Ogni singolo movimento è pilotato da un software altamente sofisticato che lo dirige verso la postazione più idonea, seguendo un percorso in cui le postazioni totalmente automatizzate si alternano con quelle che richiedono un intervento manuale. Per determinate operazioni, infatti, niente eguaglia i più recenti perfezionamenti introdotti dall’high-tech, e l’industrializzazione impone tolleranze infinitamente più precise rispetto al lavoro manuale. Breitling garantisce così ai suoi «strumenti per professionisti» un’autentica affidabilità su grande scala. Breitling si distingue anche nel settore dell’elettronica, proponendo esclusivamente movimenti termocompensati SuperQuartz™, dieci volte più precisi del quarzo ordinario. Si tratti della robustezza e dell’impermeabilità delle casse, della nitidezza e leggibilità dei quadranti, della resistenza e del comfort dei bracciali, ogni dettaglio è studiato in vista di un uso intensivo anche nelle condizioni più estreme, e viene sottoposto a innumerevoli controlli in fase di fabbricazione. Non si diventa fornitore ufficiale dell’aviazione per caso.