TESTO PDF

ULYSSE NARDIN

La precisione attraverso l’ingegno: storia dell’evoluzione nella misurazione del tempo per 170 anni.

La tecnologia guida il mondo ad una velocità incommensurabile. Per la Manifattura orologiera Ulysse Nardin, ha capitanato il suo corso per quasi due secoli. Calcolando la crescita e il calare della luna per imbrigliare il tempo e le mare con precisione, Ulysse Nardin ha cambiato il modo di segnare il tempo. Innovazione dopo innovazione, ha guidato questo mestiere verso il futuro, sposando l’antica arte dell’alta orologeria con la tecnologia in trasformazione, stupendo con prestazioni che hanno fatto compiere dei passi in avanti e un design originale. Fondata nel 1846 dal 23enne Ulysse Nardin, il marchio, che tutt’ora porta il suo nome, ha portato avanti lo spirito imprenditoriale del proprio fondatore, sempre con il pensiero rivolto al prossimo grande sviluppo. Specializzato in orologi complicati, il giovane Ulysse Nardin fu istruito dal padre, Léonard-Frédéric, e continuò la propria educazione come apprendista di DuBois, un esperto in segnatempo di precisione. Stabilita la propria azienda nel suo luogo di nascita a Le Locle,nel Jura Svizzero, culla dell’industria specializzata orologiera, Ulysse Nardin aveva lo sguardo puntato verso un orizzonte scintillante. Prese nota della crescente richiesta di cronometri da marina e da tasca, e così iniziò il salto di Ulysse Nardin nella nautica. Negli anni intorno al 1870, le navi e le compagnie di navigazione internazionali furono equipaggiate con i cronometri di bordo Ulysse Nardin, che fornivano ai marinai dei segnatempo utili per traversate più veloci e sicure. I civili possedevano i propri orologi da tasca, che li aiutavano a condurre i propri affari e le loro vite quotidiane in modo più strutturato e agevole. Queste prime invenzioni di Ulysse Nardin divennero strumenti di accuratezza e catalizzatori di efficienza negli scambi tra continenti; contribuirono alla società moderna e tracciarono il corso per il futuro della manifattura. Da questo punto in avanti, il nome di Ulysse Nardin non si è più fermato. Originato da abilità e strategia; favorito da un ecosistema profondamente orologiero; guidato da un continuo flusso di idee innovative; e gestito da una cultura con una mentalità progressista, Ulysse Nardin incarna l’eredità e il futuro, uniti a resilienza, cambiamento, e uno stile pioneristico associato alla scienza. Negli anni, Ulysse Nardin ha ricevuto oltre 4,300 riconoscimenti orologieri, incluse 18 medaglie d’oro. Tuttavia,fu nel 1983 che le cose divennero ancor più interessanti. Rolf W. Schnyder acquisì la società e unì le forze con il Dr. Ludwig Oechslin;insieme, formarono una collaborazione coronata da imponenti conquiste. Alcuni dei raggiungimenti più importanti sono stati l’introduzione di segnatempo iconici come il Perpetual Calendar nel 1996, dove il calendario perpetuo può essere regolato avanti e indietro con facilità e che è la base di questa famiglia di segnatempo; e nel 2001 il Freak,che segna il tempo attraverso il movimento, senza lancette. Il Freak ha posto le basi per la presentazione dei nuovi movimenti Ulysse Nardin. Ed è la collezione Marine che àncora il passato di Ulysse Nardin agli oceani mentre conferisce le proprie competenze marinare sulle attuali collezioni Marine Diver e Marine Chronometer. Altri progressi all’avanguardia comprendono l’essere stato il primo marchio di orologeria ad utilizzare la tecnologia al silicio, e lo sviluppo di movimenti innovativi come lo scappamento Dual Ulysse, l’ Ulysse Anchor e il sistema di assorbimento degli urti UlyChoc. L’ingresso di Ulysse Nardin nel suo 170° anno, avviene come un futurista fantasioso, che unisce la sua natura di esploratore con l’esperienza per tracciare in modo chiaro il cammino verso maggior inventiva; gli elementi innovativi una volta riservati per pietre miliari si stanno facendo strada nella collezione principale. Detentore di sei raffinate famiglie di orologi e del maggior numero di brevetti nell’orologeria meccanica, Ulysse Nardin proseguirà in avanti, estendendo i limiti di design, ingegneria e tecnologia e, ovviamente, sorprendendo gli appassionati di orologeria nel mondo.